MAGAZINE
bienfaits-fruits-et-legumes-chez-la-femme
Vuoi essere in salute? Inizia dalla tavola
29 giugno 2017
alex-pasarelu-223684
Infezioni in gravidanza: il Papilloma Virus
12 luglio 2017
Show all

Sodio e alimentazione: meglio limitarlo?

salt-91539_960_720

Il sodio è un elemento essenziale per la buona salute dell’uomo. In un adulto ne troviamo circa 92 grammi, distribuiti soprattutto del tessuto osseo, nei liquidi extracellulati, nella cartilagine e nel tessuto connettivo. Il sodio alimentare è assorbito nell’ileo e quello in eccesso viene eliminato attraverso urine, sudorazione e feci. È l’elemento principale del sale con cui normalmente condiamo i piatti che cuciniamo. Ad ogni grammo di sale da cucina corrisponde 0.4 grammi di sodio e il fabbisogno giornaliero si aggira intorno a 1.5 grammi.

Il suo ruolo è molto importante e consiste nel regolare il passaggio di fluidi e dei nutrienti all’interno e all’esterno delle nostre cellule. Quello presente nelle ossa è una riserva da cui il nostro organismo può attingere per regolare il PH nel sangue. Tra le altre funzioni concorre alla contrazione muscolare, allo stato di idratazione e alla omeostasi acido-base dell’organismo.

 

Carenza di sodio

Nella pratica di uno sport è importante dosare la presenza del sodio durante il reintegro dei liquidi! Durante una eccessiva fatica e sudorazione avviene un’ulteriore diluizione della concentrazione ematica da ripristinare con acque e bevande che contengono sodio e altri sali. Per limitare i dannosi effetti del sodio in eccesso bisogna garantire al nostro corpo una giusta assunzione di potassio (che possiamo trovare nella frutta e nella verdura). In casi particolari come diarrea e sudorazione eccessiva, le perdite di sodio possono essere rilevanti!

 

Eccesso di sodio

Il consumo eccessivo di sodio favorisce l’ipertensione (nei soggetti predisposti) e pone a rischio osteoporosi, poiché il lavoro dei reni è concentrato nell’eliminazione del calcio. Quando aggiungiamo sale agli alimenti dobbiamo farlo con parsimonia! Ad esempio sarebbe meglio salare la pasta solo quando l’acqua è bollente e meglio se a metà cottura, in modo tale che il sodio assorbito risulti inferiore. Abituiamo i nostri bambini a mangiare cibi dal sapore poco salato! Ogni piatto può essere insaporito utilizzando spezie, cipolle, prezzemolo, sedano, yogurt, un cucchiaio di olio extravergine e tutto ciò che il nostro estro culinario ci suggerisce!

 

I cibi ricchi di sodio

– Salsa di soia, 6 grammi ogni 100 grammi

– Salame, 2.1 grammi ogni 100 grammi

– Prosciutto crudo di Parma, 1.5 grammi ogni 100 grammi

– Ketchup, 1.1 grammi ogni 100 grammi

Salmone affumicato, 0.7 grammi ogni 100 grammi

– Pizza (con pomodoro), 0.7 grammi ogni 100 grammi

 

Vuoi sapere se sei a rischio ipertensione causata da una sensibilità al sodio? Vuoi conoscere la quantità di sodio che puoi assimilare sulla base del tuo DNA? Scopri il nostro BiotechSol Nutritest e scarica l’esempio di referto completo realizzato dai nostri esperti!