MAGAZINE
pregnant-1438135_1920
Screening prenatale? Scopri Panorama Test
8 novembre 2017
matt-montgomery-3790
Salvia: 5 benefici per la salute
29 novembre 2017
Show all

Malattie cardiovascolari: fai prevenzione!

tim-marshall-114623

Tutti noi, ormai, abbiamo una vita frenetica e quello che tende a mancare è il tempo.

Quante cose non facciamo per colpa del tempo? Le conseguenze sono:

-Abbandonare i propri sogni

-Non dedicare tempo alle persone che si amano

-Ammalarsi

Esatto, perché una vita frenetica, ma che non ci fa correre nel vero senso della parola, anzi, ci rende sedentari e stressati, non aiuta il nostro stato di salute. Inoltre, nonostante la nostra amata e millantata dieta mediterranea, gli italiani non curano la loro alimentazione come dovrebbero.

Quali sono i rischi di una vita così?

Diversi.

Ma facciamo luce su uno in particolare: i problemi cardiovascolari.

Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nel nostro Paese.

Ogni anno le malattie cardiovascolari uccidono oltre 4,3 milioni di persone in Europa e sono causa del 48% del numero totale di decessi (54% nelle donne, 43% negli uomini).

Queste malattie sono la prima causa di morte, la causa più frequente di ricovero ospedaliero e tra le più importanti cause di invalidità.

Quello che manca nel nostro modo di pensare e nelle nostre abitudini è il classico “prevenire prima di curare”.

Quante volte ci siamo detti “se avessi fatto prima….”, “se fossi stato avvisato prima…”.

Curare non solo è più costoso in termini fisici ed economici, ma è anche più difficile.

Allora perché non prevenire?

Negli ultimi anni, studi epidemiologici hanno dimostrato che il rischio è reversibile e che è possibile ridurre o posporre le possibilità dell’insorgenza di eventi cardiovascolari riducendo i fattori di rischio.

La prevenzione esiste ed esistono diverse modalità di prevenzione. Il nostro medico può supportarci nel percorso migliore da seguire.

I fattori di rischio

Fumo.

La nicotina accelera il battito cardiaco. Il monossido di carbonio diminuisce la quantità di ossigeno presente nel sangue e favorisce lo sviluppo dell’aterosclerosi.

Pressione arteriosa.

Una pressione arteriosa elevata costringe il cuore a un superlavoro e accelera la formazione di aterosclerosi nelle pareti delle arterie.

Colesterolemia totale.

Il colesterolo  può trovarsi in quantità eccessive nel sangue. Maggiore è la sua quantità, più alto è il rischio che si depositi nelle pareti delle arterie.

HDL-colesterolemia.

Le HDL sono lipoproteine che trasportano il colesterolo in eccesso dai tessuti al fegato dove viene eliminato; minore è la loro quantità, maggiore è il rischio cardiovascolare.

Diabete.

Il diabete, se non correttamente controllato, favorisce l’aterosclerosi, incrementando il rischio cardiovascolare.


Fonte: Istituto Superiore di Sanità (http://www.cuore.iss.it/prevenzione/prevenzione.asp)


Prenditi tempo, fai prevenzione!

Scopri Mi Risk!

Mi Risk quantifica il “rischio genetico di base” utilizzando le tecnologie genetiche più avanzate associate alla più attuali conoscenze della comunità scientifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *