MAGAZINE
gravidanza_amore_psicologia
I cambiamenti psicologici nel primo trimestre di gravidanza
17 febbraio 2017
famiglia_genitori_bambini_intelligenzaemotiva
Allenare l’intelligenza emotiva nei bambini
22 febbraio 2017
Show all

Listeriosi: l’infezione del cibo

bacteria_listeriosi_gravidanza

La listeriosi è un’infezione che si prende per lo più mangiando cibo contaminato da un batterio chiamato Listeria monocytogenes. È una malattia diagnosticata raramente poiché nelle persone in salute il batterio non provoca alcun danno a lungo termine, a parte fastidi momentanei e molto generici. Per questo motivo la listeriosi viene spesso confusa con un virus intestinale qualsiasi o con l’influenza.

Discorso a parte invece se sei incinta. Durante la gravidanza il batterio può causare severi problemi al feto o al bambino appena nato: si rischia aborto spontaneo, parto prematuro e infezioni pericolose per il neonato, fino ad arrivare a infezioni del sangue e meningite. Per le mamme in attesa la listeriosi è dunque più pericolosa, anche perché quando aspetti un bambino il rischio di essere infettate è 20 volte maggiore del normale.

Purtroppo i
sintomi della malattia sono molto generici, simili a quelli provocati da qualsiasi altro virus intestinale. Solitamente si ha qualche linea di febbre, dolori muscolari e stanchezza. Se aspetti un bambino e stai male, e provi dolori generici come quelli descritti sopra, fai immediatamente un esame diagnostico.

Dove si trova il batterio, e come prevenire l’infezione? In linea generale i consigli sono gli stessi delle altre contaminazioni alimentari, come la toxoplasmosi:

  • Il batterio può trovarsi nella carne e nel pesce. Cuoci bene questi cibi e non consumarli freschi, nemmeno in salamoia o affumicati. In microonde copri il pasto col coperchio: questo permette al cibo di scaldarsi in modo uniforme
  • Il batterio listeria può essere nel latte: bevilo pastorizzato e privilegia i formaggi a pasta dura
  • Non mangiare germogli di soia in gravidanza, ed evita prodotti germinati
  • Lava e sbuccia frutta e verdura: possono essere contaminate dal batterio, presente nella terra o nel fertilizzante
  • Pulisci bene gli utensili utilizzati, i piani d’appoggio e le mani dopo aver maneggiato il cibo
  • Non conservare gli alimenti a lungo, soprattutto se sono aperti
  • Pulisci il frigorifero regolarmente

Così come per le donne gravide, la listeriosi è molto rischiosa anche per le persone con sistema immunitario deficitario (neonati, anziani, malati di HIV, ad esempio). Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il tasso di mortalità associato all’infezione è del 20%-30% tra i pazienti in ospedale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *