MAGAZINE
unnamed
Nutrizione e genetica: il benessere è nel nostro DNA!
31 maggio 2017
str-20-21-foto-2-s-sayta-piksabay
Cos’è il genoma e perché conoscere le proprie informazioni genetiche
8 giugno 2017
Show all

La Vitamina D: una valida alleata per la nostra salute

clouds-1117584_960_720

La Vitamina D, per circa l’80%, è prodotta dalla cute grazie allo stimolo dei raggi ultravioletti, il restante 20% deriva dagli alimenti. In Italia la carenza di Vitamina D interessa fino all’86-90% degli anziani e circa il 10% dei giovani adulti. Per migliorare lo stato vitaminico D e il metabolismo osseo, sono sufficienti 15 minuti di esposizione solare alle braccia tra le 10:00 e le 15:00 per 2-3 volte a settimana e portare in tavola alimenti ricchi di questo benefico “para-ormone” (definita così perché svolge attività importanti su organi e apparati, proprio in modo simile a un ormone). La vitamina D, in primo luogo, è fondamentale per l’apparato scheletrico, poiché mantiene le ossa forti e sane, da un lato è necessaria alla loro formazione, dall’altro previene le fratture e l’osteoporosi. Gioca un ruolo fondamentale durante tutto l’arco della vita: dall’età infantile, per la corretta crescita delle ossa, all’età adulta, per mantenere una massa ossea sufficiente. Quando si è in presenza di scarsa Vitamina D, l’osso risulta estremamnte fragile.

 

I benefici della Vitamina D sono molteplici, eccone alcuni:

  • Stimola l’assorbimento di calcio e fosforo;
  • Stimola la produzione di endorfine, serotonina e dopamina;
  • Migliora la funzionalità dell’insulina;
  • Migliora la tonicità muscolare e la forza fisica, grazie all’aumento di testosterone;
  • Attenuare lo stimolo della fame;
  • Stimola il sistema immunitario;
  • Riduce le infiammazioni;
  • Previene le infezioni;
  • Riduce il rischio di patologie cardiovascolari.

 

Come si può integrare la carenza di Vitamina D?

Attraverso l’alimentazione; anche se gli alimenti da soli non sono sufficienti! Nei Paesi Scandinavi, infatti, si fortificano i cibi con Vitamina D poiché si è tentato, con successo, di compensare la scarsa esposizione solare. È importante intraprendere uno stile di vita ricco di alimenti che contengono quantità sufficienti di Vitamina D ed esporsi al sole con consapevolezza, ricordando che non è necessario abbronzarsi e quindi evitando gli effetti nocivi che i raggi possono avere sulla nostra cute!

 

Quali sono gli alimenti che contengono Vitamina D?

  • Salmone;
  • Trota;
  • Latte scremato;
  • Uova;
  • Tonno;
  • Latte di soia;
  • Sardine sott’olio;
  • Pesce spada;
  • Sgombro;
  • Uova di pesce.

 

Ti sei mai chiesto quanta Vitamina D puoi assumere? Sei sicuro di mangiare quello che il tuo DNA suggerisce? Scopri il nostro BiotechSol NutriTest!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *